martedì 27 dicembre 2016

LETTURE: Un ristretto in tazza grande di Federico Maria Rivalta #78

Ciao a tutti!!
Complici le nuove challenge le mie letture procedono spedite, ho realizzato anche una pagina qui sul blog dove potete trovare come procedono le mie partecipazioni, sempre che vi interessi 😉, intanto vi volevo parlare dell'ultimo libro appena terminato:


Sinossi:
Un giallo che non si legge....si divora!!!
Tra le colline del Parco dei Colli Euganei, vicino a Padova, una serie di omicidi scuote alle fondamenta la tranquilla e rilassata routine quotidiana dei soci del Golf Club Frassanelle. Ben presto si scatena una caccia all'uomo in cui si confondono preda e cacciatore. Un frenetico susseguirsi di eventi imprevedibili, raccontati con ironia e fatalismo, scandisce il ritmo che trasporterà protagonisti e lettori, come in una sequenza allo specchio, verso l'epilogo finale.

Recensione:
Per questo libro ho trovato molte recensioni negative, per fortuna non mi sono lasciata influenzare e l'ho letto comunque, a me il libro è piaciuto, e l'ho realmente divorato, dato che l'ho iniziato ieri e oggi l'ho terminato!
Riccardo Ranieri si trova suo malgrado coinvolto nel ritrovamento di un cadavere all'interno della sauna del golf club che frequenta, ma gli omicidi non si fermano e Riccardo è quasi sempre presente sulla scena del crimini...fino ad essere addirittura lui, una vittima, per fortuna con solo qualche danno alla mano destra...
Leggendo questo libro mi è venuto in mente quello che mi diceva una cara amica sui veneti (che ha vissuto per molto tempo in veneto) e che sono persone chiuse, che non concedono facilmente amicizia ai forestieri (non me ne vogliano chi leggerà ed è veneto!), con Riccardo ho rivissuto esattamente quello che diceva lei...
Ho adorato Riccardo, personaggio goffo e "sfigato", ma assolutamente ironico e sempre pronto alla battuta, nonostante tutte le disavventure che gli capitano...

L'unico aspetto della mia vita che non
era stata intaccata da tutta la vicenda era
la consumata abilità a fare figure da pirla.

...sicuramente capitano tutte a lui!! La classica persona che attira tutte le disavventure su di sè, ma proprio per questo il libro è divertente e si legge velocemente!
I personaggi di secondo piano, sono ben delineati e con ognuno un carattere proprio, non sono le classiche comparse che si trovano in molti libri, sicuramente ruotano tutti attorno a Riccardo, ma interagiscono e divertono!

amo scherzare e considero l'ironia indice di
intelligenza nelle persone, mentre quando ne 
sono io l'oggetto fatico sempre a capire se
una persona scherza oppure se fa sul serio.

L'unica nota negativa di questo libro, è forse la parte dell'investigazione, essendo un giallo mi aspettavo forse qualcosa di più, il libro è più un narrare le disavventure di Ranieri, anche se il colpo di scena finale non me l'aspettavo...non vi svelo nulla, perché non voglio rovinare la lettura a chi vorrà leggerlo 😉.
Questo libro è il primo della serie dedicata a Riccardo Ranieri che ho iniziato per la challenge di lettura SerialMente, i prossimi sono: Come tracce sulla sabbia, Il segno mancante e, Passi di tango in riva al mare.

Leggendo SerialMente - Autore maschile italiano
The Hunting Word Challenge - parola TAZZA (sia nel titolo che disegnata in copertina)

A presto!

Nessun commento:

Posta un commento