giovedì 16 marzo 2017

LETTURE: Il prigioniero del cielo di Carlos Ruiz Zafòn #15


Lunghezza stampa: 350
Editore: MONDADORI (19 giugno 2012)

Sinossi:
Nel dicembre del 1957 un lungo inverno di cenere e ombra avvolge Barcellona e i suoi vicoli oscuri. La città sta ancora cercando di uscire dalla miseria del dopoguerra, e solo per i bambini, e per coloro che hanno imparato a dimenticare, il Natale conserva intatta la sua atmosfera magica, carica di speranza. Daniel Sempere - il memorabile protagonista di L'ombra del vento - è ormai un uomo sposato e dirige la libreria di famiglia assieme al padre e al fedele Fermín con cui ha stretto una solida amicizia. Una mattina, entra in libreria uno sconosciuto, un uomo torvo, zoppo e privo di una mano, che compra un'edizione di pregio di Il conte di Montecristo pagandola il triplo del suo valore, ma restituendola immediatamente a Daniel perché la consegni, con una dedica inquietante, a Fermín.
Si aprono così le porte del passato e antichi fantasmi tornano a sconvolgere il presente attraverso i ricordi di Fermín. Per conoscere una dolorosa verità che finora gli è stata tenuta nascosta, Daniel deve addentrarsi in un'epoca maledetta, nelle viscere delle prigioni del Montjuic, e scoprire quale patto subdolo legava David Martín - il narratore di Il gioco dell'angelo - al suo carceriere, Mauricio Valls, un uomo infido che incarna il peggio del regime franchista.
Carlos Ruiz Zafón torna al genere che lo ha reso famoso in tutto il mondo e alla saga tanto amata dai suoi lettori con un nuovo appassionante episodio che si inserisce nell'universo letterario del Cimitero dei Libri Dimenticati. Il Prigioniero del Cielo riannoda le trame di L'ombra del vento e Il gioco dell'angelo, e getta luce sui misteri che erano rimasti insoluti solo per aprire nuovi inquietanti interrogativi. E soprattutto ci trascina nel turbine di una narrazione carica di tensione e colpi di scena, in grado di trasmetterci, con la forza delle emozioni, il lato più cupo dell'animo umano, ma anche di sedurre con il fascino sottile di una Barcellona in chiaroscuro che non smette di stregarci.

Recensione:
Ho terminato questo libro già da alcuni giorni, ma non mi sono ancora decisa a proseguire nella lettura del quarto capitolo di questa serie, un po' per mancanza di tempo e un po' per la paura che sia un flop...
Ho adorato come tutti credo il primo libro L'ombra del vento (qui potete trovare la mia recensione), mentre il secondo romanzo Il gioco dell'angelo (qui la recensione) mi aveva lasciata alquanto perplessa, per fortuna questo terzo libro spiega e chiarisce molti punti lasciati in sospeso nel precedente.

In questo romanzo torna l'autore dell'esordio, con una scrittura più fluida e meno teologica...tornano i personaggi che avevamo tanto amato ne L'ombra del vento, per fortuna direi 😉
A me capita, spesso e volentieri, che dopo aver letto il primo romanzo di una serie, faccio fatica ad amare i successivi libri, e invece ho dovuto ricredermi, perché in questo Zafòn si avvicina molto alla scrittura del primo romanzo, e l'ho amato tantissimo! 

La Barcellona descritta ormai ci è familiare e la voglia di tornare in quella meravigliosa città è sempre più forte, per rivivere quei luoghi tanto ben descritti nel romanzo.
Ritroviamo Fermín pronto a sposare Bernarda, ma con una pena nel cuore, una pena che racconta a Daniel Sempere tornando ai suoi anni di prigionia, che ci fa scoprire gli intrecci tessuti con David Martín e capire molti passi del romanzo precedente.
Inutile dire che la narrazione scorre veloce. Le parole di Zafón, le sue trame, i suoi intrecci mi rapiscono sempre in un vortice, da cui riesco ad uscire solo a fine lettura.
Non voglio aggiungere nulla sulla trama, per non rovinare la lettura a chi volesse leggerlo, sicuramente è un romanzo che merita di essere "divorato" e che se avete letto i primi due libri non può essere tralasciato.

Con questa lettura partecipo a:
Il giro del mondo in 80 libri - Febbraio - Germania - Leggi un libro ambientato durante la seconda guerra mondiale
Leggendo SerialMente - Quadrilogia Il cimitero dei libri dimeticati
Reading Challenge GLDN - Un libro che parli di libri

A presto!

Nessun commento:

Posta un commento