martedì 2 maggio 2017

LETTURE: In fuga dal passato di Eliza Graham #26


Lunghezza stampa: 326

Editore: AmazonCrossing

Sinossi:
Nel 1939, a pochi mesi dallo scoppio della Seconda guerra mondiale, Benjamin Gault giunge a Fairfleet in Inghilterra grazie a un programma di accoglienza per bambini ebrei in fuga dalla Germania nazista. Accolto nella nobile dimora della famiglia Dorner, incontra la giovane Lady Harriett, affascinante padrona di casa e combattiva pilota dei caccia Spitfire. In questo suo nuovo mondo, Benny non si tira indietro di fronte alla sfida per diventare un vero gentleman inglese, ispirato dalla dolce signora e guidato dal bisogno di lasciarsi alle spalle i segreti del passato.

Anche l’inquieta Rosamond, nipote di Lady Harriett, ha trascorso gran parte della vita a fuggire dal passato, gravata dal senso di colpa per l’incidente che ha causato la morte della madre. Quando il suo lavoro di infermiera la riporta a Fairfleet, la casa della sua infanzia, per accudire Benny anziano e in fin di vita, è costretta ad affrontare i fantasmi che l’hanno così a lungo tormentata.

L’amore che entrambi hanno provato per l’affascinante Harriett farà affiorare i ricordi più dolorosi e li guiderà alla riscoperta di se stessi, fino a rivelare i propri colpevoli segreti. Una catarsi del tutto inaspettata e sconvolgente come una rinascita.

Recensione:
Avevo letto questo libro per l'obiettivo de La ruota delle Letture, ma molto furbamente mi sono dimenticata di fare la recensione...comunque il libro è molto bello e quindi non mi pento assolutamente della lettura e lo utilizzo per un'altra challenge a cui partecipo, grazie alla parola PASSATO nel titolo 😉

In questo libro troviamo due storie: quella di Benny, bambino fuggito grazie al Kindertransport durante la Seconda Guerra Mondiale e accolto dalla famiglia Dorner, diventato adulto e poi anziano, e in fin di vita; e quella di Rosamond nipote di Lady Harriett, che torna nella casa della propria infanzia dopo tantissimi anni, in qualità di infermiera di Benny, un periodo quello trascorso in quella casa bellissimo fino a che è stata presente l'adorata nonna, ma poi momenti difficili di cui si sente responsabile e ancora dopo tanti anni fanno male.

La sorte del mondo dipende dal fatto
che alcuni di noi si rifiutano di essere
uguali a tutti gli altri.

Il libro è scritto molto bene e le storie sono coinvolgenti, l'alternarsi di capitoli del passato di Benny e del passato di Rasomond rendono la storia più emozionante e più intricata, nonostante questo però è scorrevole e non si perde il filo della narrazione, l'attenzione del lettore rimane sempre attenta.
Ho amato particolarmente i racconti di Benny, sul periodo della guerra, sia perché è un periodo storico che mi ha sempre affascinato, sia perché l'autrice mantiene sempre vivo l'interesse del lettore, aggiungendo oltre ai cenni storici anche racconti di emozioni importanti, come quella che lega un bambino ariano e un bambino ebreo...
Nonostante il libro sia un romanzo, quindi una storia di fantasia, i cenni storici sono molti e importanti per lo svolgimento del libro stesso.

La scrittrice è molto abile, tanto che il lettore si immedesima nei personaggi, e li ama nonostante gli errori che possono avere commesso nel passato. Errori che per loro sono imperdonabili e che soprattutto Benny vuole confessare prima di morire.

Ho letteralmente divorato il libro e ho amato tantissimo lo stile di scrittura dell'autrice. Spero di riuscire a leggere presto un altro suo romanzo.

Con questa lettura partecipo a:
The Hunting Word Challenge - parola PASSATO 

A presto!

Nessun commento:

Posta un commento